lunedì 28 settembre 2009

MARILLION - Marbles (2004)


Voto


Precisiamo subito che la recensione si riferisce alla versione doppia del disco. Infatti nei negozi era possibile trovare la versione single CD che lasciava molto perplessi. Nonsi capisce infatti come alcuni brani davvero splendidi siano stati relegati alla versione doppio CD reperibile solo sul sito della band. Misteri.
Comunque Marbles è un gran bel lavoro. E' il secondo
disco, dopo Brave, davvero importante per la crescita musicale del gruppo epoca Hogarth.
Il primo CD è eccellente e progressivo in senso molto moderno. Ci sono lunghe strutture come The Invisible Man e Ocean cloud (fra le migliori composizioni in assoluto dei Marillion) che presentano sonorità scure, affascinanti, ammalianti, con improvvise sferzate, colpi geniali, melodie eleganti e moderne. Due brani fantastici. C'è Genie, un gioiellino spensierato molto britannico che riporta alle vecchie b'sides di qualità dei Marillion. Fantastic place e The only unforgivable thing sono brani di un'eleganza unica, con ottimi arrangiamenti di Mr. Kelly e sapienti cesellature di Rothery. Peccato che il secondo CD non conservi la stessa drammaticità della prima parte. The Damage, You're gone (top ten inglese fra l'altro) e la bella Don't hurt yourself sono brani carini ma che non mordono più di tanto. Si fanno ascoltare. Angelina risulta poi, a dire il vero, un po' stucchevole. Il finale del Cd però si rialza orgogliosamente con l'oscura Drilling Holes e la bellissima chiusura di Neverland.
Marbles è dunque un disco importantissimo per l'evoluzione della band; un progressive in tutto e per tutto moderno, slegato dai giganti del passato, in una parola: originale. La qualità è davvero alta e solo un alleggerimento eccessivo nella seconda parte impedisce a Marbles di ottenere una votazione all'altezza dei classiconi degli anni ottanta. I 18 minuti di Ocean Cloud rimarranno però indelebili nella loro discografia.

* Fra i numerosi live del periodo messi in circolazione del sito ufficiale si consiglia per lo meno il doppio Marbles by the Sea con la riproposizione completa di Marbles con Ocean Cloud come bis.

2 commenti:

  1. "The only thing she needs" non esiste, al massimo si intitola "The only Unforgivable Thing". :)

    RispondiElimina
  2. Te ghè rasun! Influenza UK!

    RispondiElimina